Valtiberina

L'Alta Valtiberina (o Val Tiberina) è attraversata dal corso superiore del Tevere, anticamente chiamato “Albula” per il colore chiaro delle sue acque, che nasce dal Monte Fumaiolo in Emilia-Romagna, e si dispiega tra Toscana, Umbria e Romagna. La Valtiberina è chiusa a ovest dall’Alpe di Catenaia e a est dall’Alpe della Luna. Qui è possibile ripercorrere le orme di San Francesco visitando eremi, chiese e monasteri e immergersi nell’arte di Piero della Francesca e Michelangelo Buonarroti. È il luogo ideale per gli appassionati della natura contando ben cinque Riserve Naturali Regionali: Monti Rognosi, Alpe della Luna, Bosco di Montalto, Alta valle del Tevere e Monte Nero e Sasso di Simone. La valle ha restituito fossili sin dal Paleolitico ed era frequentata da popolazioni etrusche e romane.

Anghiari, uno dei borghi più belli d’Italia

Ricordata già nel 1048, Anghiari, spicca per la sua forma angolare che secondo alcuni starebbe alla base del suo nome e per la veduta suggestiva offerta dalle mura della città. Anghiari è ricordata soprattutto per l’omonima battaglia del 1440 combattuta tra le truppe fiorentine e quelle milanesi a seguito della quale diventa sede di un'importante vicariato. Nel centro storico troviamo il Palazzo Pretorio, decorato con stemmi tra cui quelli della bottega di Andrea della Robbia e di Santi Buglioni, Palazzo Taglieschi, che contiene opere della bottega di Andrea della Robbia e Jacopo della Quercia e Palazzo del Marzocco, sede del Museo della Battaglia. Anche le chiese del paese conservano grandi capolavori artistici, tra cui la chiesa di Sant’Agostino, con la ritrovata Madonna con Bambino di Matteo di Giovanni, la Badia di San Bartolomeo, dove è esposta una bellissima Madonna con Bambino di Tino da Camaino, e la Propositura di Santa Maria delle Grazie, ricca di capolavori cinquecenteschi.

La via Romea e i suoi borghi

Lungo il percorso dell’antichissima via Romea, troviamo poi Badia Tedalda con la bellissima chiesa di San Michele Arcangelo che ospita al suo interno tre splendide pale d’altare e un piccolo ciborio in terracotta invetriata realizzati da Benedetto e Santi Buglioni. Situato su un’altura, Caprese Michelangelo è rinomato per essere il paese natale del celeberrimo Michelangelo Buonarroti. Qui, oltre alla chiesa di San Giovanni Battista, con il suo bellissimo tabernacolo in pietra arenaria, e la pieve dei Santi Ippolito e Cassiano, è possibile visitare la Casa – Museo di Michelangelo Buonarroti fondata nel 1875 a seguito del ritrovamento del documento di nascita del grande artista e costituita da tre edifici, il Palazzo del Podestà, il Palazzo Clusini e la Corte Alta. Anche Monterchi sorge su un’altura, considerata luogo sacro dagli antichi romani e legata al culto del mitologico Ercole. La sua notorietà si deve all’affresco della Madonna del Parto, uno dei più noti capolavori di Piero della Francesca. Meritano una visita anche il Museo delle Bilance, la cui raccolta di bilance e pesi è una delle più importanti d’Europa per tipologia, cronologia e numero di pezzi e la chiesa di San Simeone, al centro del paese. Pieve Santo Stefano è conosciuta anche come “città del diario”, poiché all’interno del Municipio ha sede un importante archivio diaristico che raccoglie diari, scritti autobiografici, ma anche lettere e appunti di persone comuni. La Collegiata di Santo Stefano, che dà il nome al paese, contiene importanti opere d’arte tra cui la bella pala d’altare della Bottega di Andrea della Robbia raffigurante l’Assunzione di Maria e Santi. Nei dintorni, imperdibile, è l’eremo di Cerbaiolo, costruito su uno sperone di roccia, che ricorda il convento francescano della Verna.

Sansepolcro, la città di Piero della Francesca

Sansepolcro è uno straordinario borgo caratterizzato da torri medievali, edifici rinascimentali e chiese barocche in un centro storico racchiuso da una cinta muraria risalente al XIII secolo. Il Museo Civico, uno dei più importanti di tutta la Toscana, ha sede nel Palazzo della Residenza e conserva straordinarie opere d'arte di Piero della Francesca, come il Polittico della Misericordia, la Resurrezione ed altri affreschi raffiguranti San Giuliano e San Ludovico, oltre a dipinti di Jacopo Pontormo e Santi di Tito e sculture di Andrea della Robbia. 

Molte sono le chiese di Sansepolcro dove si possono ammirare straordinarie opere d’arte di grandi artisti, come la Chiesa di San Lorenzo con il drammatico Compianto su Cristo deposto dalla Croce di Rosso Fiorentino, la Chiesa di San Rocco ed il sottostante Oratorio della Compagnia del Crocifisso dov'è conservata una rara copia del Santo Sepolcro di Gerusalemme; inoltre la maestosa Chiesa di San Francesco, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie ed il Duomo dedicato a San Giovanni Evangelista, scrigno di incredibili capolavori tra cui l’affresco con la Crocifissione di Bartolomeo della Gatta, il dipinto di Pietro Perugino raffigurante l’Ascensione di Maria ed il cosiddetto Volto Santo risalente addirittura all'VIII-IX secolo. 

La seconda domenica di settembre Sansepolcro ospita il Palio della Balestra, manifestazione organizzata in onore del Santo Patrono San Giovanni Evangelista nella piazza principale del paese. 

Il nostro itinerario ci conduce infine a Sestino, dove spiccano la Pieve romanica di San Pancrazio, custode di due crocifissi giotteschi di scuola riminese della metà del XIV secolo e l’Antiquarium, museo archeologico ricco di preziosi reperti di epoca romana, tra cui spicca un monumento funerario di età augustea perfettamente conservato. 

Luoghi
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Preferito
Itinerari
Arrow slide
Your time travel through heritage and history, lorem ipsum dolor sic amet
Preferito
Arrow slide
Arrow slide
Arrow slide
Ricerca tutti